A norma dell’art 27 comma 3 della Costituzione, «Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato”. La vigilanza ed il controllo controllo sull’esecuzione delle pene detentive nonché sull’adeguamento di queste ai principi costituzionali della finalità rieducativa e della umanizzazione del trattamento, sono dalla legge demandati alla magistratura di sorveglianza, che procede con le forme previste agli artt. 666 e 678 c.p.p.

Lo Studio offre un’ampia gamma di servizi legali: dall’assistenza dei condannati nei procedimenti volti alla concessione delle misure alternative alla detenzione quali l’affidamento in prova al servizio sociale (ordinario ed in casi particolari), la detenzione domiciliare, la semilibertà, alla richiesta dei permessi penitenziari nonché alle diverse procedure di reclamo previste dalla vigente normativa penitenziaria.

Pervenuta la richiesta di assistenza, lo Studio verifica la sussistenza dei presupposti di legge, ricerca eventuale documentazione utile, redige e deposita l’istanza, partecipa alla discussione all’udienza camerale.

Analogamente, lo Studio rappresenta i propri assistiti dinanzi al Giudice dell’esecuzione per tutte le questioni riguardanti la validità e l’efficacia del titolo esecutivo.